Il settore delle telecomunicazioni ha giocato un ruolo fondamentale nella gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 dimostrandosi, ancora una volta, l’asse portante di ampi segmenti del sistema economico e sociale.

In particolare, il settore dell’istruzione ha dovuto rapidamente riorganizzare l’intero assetto didattico con l’adozione della modalità di Didattica a Distanza tramite piattaforme digitali.

In questo contesto, la disponibilità di una infrastruttura di rete Broadband é risultata fondamentale per la fruizione, e la rete mobile dati ha giocato un ruolo chiave nel sopperire al digital divide o alla indisponibilità familiare di connessioni fisse grazie alla capillare copertura del territorio e alla ampia disponibilità personale di bundle dati per il traffico consumer.

In tale scenario i principali operatori di telefonia mobile hanno immediatamente recepito l’appello del Governo nel fornire accesso alle piattaforme digitali senza consumo dei bundle di traffico dati per docenti e studenti.

Didattica a Distanza

Accesso alle piattaforme per la Didattica a Distanza senza consumo del traffico dati mobili

I maggiori operatori telefonici italiani (Wind Tre, Vodafone, TIM) hanno risposto positivamente all’appello lanciato dai ministri dell'Istruzione, per le Pari opportunità e la famiglia, dello Sviluppo economico, e per l'Innovazione tecnologica e la digitalizzazione.

La richiesta del Governo alle società che forniscono telefonia mobile era quella di individuare soluzioni che agevolassero studenti e personale docente nel seguire e gestire lezioni da remoto.

Grazie alla risposta positiva dei principali operatori di Telecomunicazioni in Italia, dal 17 novembre 2020 studenti e docenti che accedono a piattaforme di Didattica a Distanza tramite rete mobile, possono partecipare all’attività didattica senza consumare traffico dati.

Massima rapidità di intervento grazie a Tecnologie di identificazione del traffico e Real Time Charging

La rapidità di intervento é stata resa possible dalla disponibilità di soluzioni avanzate di Service-Aware Charging and Control, basate su tecnlogie di identificazione del traffico disponibili sui GW internet (GGSN/PGW) della rete Core, e soluzioni avanzate IT di Charging e Billing, basate sul paradigma del Real Time Charging.

Tale tecnologia, utilizzata principalmente per la segmentazione e controllo del credito delle offerte bundle, gestione di policy di sicurezza nell’utilizzo del traffico internet e policy di fair usage per la gestione delle congestioni, hanno permesso l’implementazione massiva di soluzioni Zero Rating per il traffico generato sulle piattaforme digitali.

       

Convergent Charging / Billing

Caso di studio
Convergent Charging & Billing

L’ispezione del traffico delle piattaforme digitali più comuni (Google Meet, Skype, Zoom, etc.) é possible tramite identificazione di Indirizzi IP, DNS o sofisticati algoritmi di analisi dei pattern di traffico nei GW internet della rete mobile (GGSN/P-GW), sulla base delle regole dinamiche istruite dal Policy Controller (PCRF).

Le informazioni rilevate per la sessione vengono poi gestite tramite transazioni real time da piattaforme IT di Charging e Billing, che applicano le regole di accounting impostate per il profilo di utente e generano la relativa fatturazione.

Nel caso venga rilevata una sessione di navigazione in una delle piattaforme abilitate, non viene eroso il bundle della relativa offerta.

La flessibilità delle configurazioni possibili sulle piattaforme IT di Charging e Billing permette una granularità e segmentazione delle offerte per specifici classi di utenti, sessioni di traffico, e credito residuo della sottoscrizione, contribuendo al rilevamento di potenziali frodi o abuso del servizio.

Per saperne di più

Please wait

Vuoi saperne di più?

Contattaci per maggiori informazioni!