Migliorare la qualità del servizio tramite un monitoraggio della rete centralizzato

Mobile TeleSystems OJSC (“MTC”) è il piu grande gruppo di telecomunicazioni di Russia e CSI, che offre servizi fissi e mobili, broadband e pay TV in uno dei mercati piu in crescita del mondo. Considerando anche le sussidiarie, il Gruppo conta piu di 100 milioni di clienti, in una regione che, considerando Russia, Ucraina, Turkmenistan, Bielorussia ed Armenia, include piu di 200 milioni di abitanti. Dal Giugno del 2000 gli ADR di livello 3 di MTC sono stati quotati alla borsa valori di New York (ticker MBT).

Esigenze Del Business

La percezione del cliente in merito alla qualtià del servizio è diventato il problema chiave che gli operatori devono provare ad affrontare per essere sicuri che le variabili in gioco siano correttamente prioritizzate. Tutto questo è tuttavia possibile solamente cambiando l’approccio alla gestione della rete. MTC ha deciso di affrontare questa sfida realizzando una trasformazione strutturale.

Quando MTC ha deciso di cominciare il progetto di trasformazione OSS, la sua struttura di network monitoring risultava distribuita su 8 macro-regioni. I processi e le procedura di network management erano stati stabiliti centralmente ma la loro implementazione era influenzata dalle specifiche di ogni singola regione. L’enorme ecosistema OSS non risultava inoltre completamente attinente agli standard internazionali. Questi fattori hanno spinto MTC ad effettuare alcuni cambiamenti radicali.

Il progetto aspirava ad ottimizzare il network management, al fine di ridurre i costi operazionali e migliorare la qualità della rete e del servizio.

MTC era a conoscenza del fatto che questo approccio avrebbe richiesto un sistema di gestione centralizzato, processi e procedure standardizzate e un ecosistema OSS omogeneo ed unificato su tutte le aree. Una parte molto importante del progetto, inoltre, era rappresentata dalla centralizzazione della struttura di monitoring, facendo confluire tutte le aree in un Global Network Operation Center (GNOC). MTC ha deciso, inoltre, di percorrere un ulteriore passo in avanti, spostando il processo di network monitoring direttamente nel service layer, in modo di coprire il gap tra la rete e i servizi offerti ai clienti. Questo avrebbe permesso ad MTC di derminare quali clienti erano affetti dai problemi di rete e di stabilire delle priorità nei processi di ripristino dei vari servizi.

La Soluzione

Dopo aver analizzato differenti aree della rete di MTC è stata sviluppata una soluzione improntata sul concetto di “unified umbrella solution” e basata sulle seguenti considerazioni:

Unificazione e semplificazione dell’ecosistema di MTS

grazie alla fornitura di una soluzione unica e unificata, nella quale la presenza di una singola GUI facilita la risoluzione delle problematiche senza l’ausilio di sistemi di terze parti.

Creazione di un Know-how Database (KHDB)

per assicurare un accesso veloce e semplice alle informazioni.

Integrazione nativa del service layer e del network layer

in una singola soluzione, permettendo di valutare e gestire le differenti interazioni e dipendenze esistenti tra i due livelli.

Gestire facilmente gli allarmi

grazie all’introduzione di una root cause analysis automatica e di regole per la correlazione e l’identificazione specifica degli allarmi

Introduzione di un sistema integrato di gestione dei processi

per migliorare le relazioni e le interazioni tra i processi stessi e altri elementi quali eventi, risorse o servizi.

Riduzione del numero di allarmi ricevuti e gestiti dagli operatori

grazie all’automatizzazione del processi di notifica degli allarmi ottenuta grazie alla possibilità di definire regole specifiche e di utilizzare il motore di correlazione incluso nella soluzione.

Uniformare la struttura degli allarmi e migliorare il loro contenuto per semplificare la comprensione

I Risultati

Comarch ha implementato con successo la sua soluzione OSS, centralizzando il network monitoring di MTC. Per portare a termine il progetto si è resa necessaria l’apertura di un Global Network Operations Center a Krasnodar, permettendo, di conseguenza, lo spostamento di tutti i task di monitoraggio. Il period di transizione è terminato senza rilevanti problematiche riconducibili ad un deterioramento della qualità della rete. La nuova struttura organizzativa e il nuovo approccio sono stati sviluppati e gestiti partendo dai nuovi processi definiti all’occorrenza. La soluzione Comarch NGSA è attualmente utilizzata da MTC come “unified umbrella solution” per le reti core e access dislocate in tutto il territorio Russo.

L’affidabilità della rete è stata migliorata – l’automazione dei sistemi ha permesso di ridurre del 50% gli allarmi ricevuti dagli operatori, con margini di miglioramento futuri. Il Know Event Database (KEDB) definisce le tipologie di eventi e le azioni da intraprendere in una libreria predefinita, agendo come supporto per la definizione di regole specifiche dipendenti dai vari eventi.

MTC ha ridotto le tempistiche di risoluzione dei problemi grazie alla semplificazione degli ambienti di lavoro degli operatori. L’interfaccia principale del sistema fornisce un accesso facile alle informazioni desiderate, alle piu importanti, al database, al trouble ticketing ed ai processi. Dalla stessa interfaccia è inoltre possibile avviare azioni correttive, cosi come processi di risoluzione di problemi piu gravi. Inoltre, l’integrazione con i sistemi già esistenti permette di ricevere tutti i dati necessari per l’identificazione e la descrizione degli allarmi nella soluzione NGSA.

La qualità del servizio è stata migliorata, spostando il network monitoring sul service layer. Il service Inventory di Comarch è responsabile della modellazione e del salvataggio delle informazioni relative alla topologia dei servizi. La soluzione viene anche utilizzata per definire regole di propagazione relative ai servizi monitorati. Per ognuno di essi, infatti, è possibile impostare una serie di azioni da compiere in reazione alla comparsa di uno o piu allarmi.

 

RIEPILOGO DEI RISULTATI OTTENUTI

  • 300,000 network elements monitorati
  • 100 allarmi raccolti al secondo
  • 50% riduzione degli allarmi visualizzati dagli operatori
  • 80 accessi contemporanei alla piattaforma

Vuoi saperne di più?

Contattaci per maggiori informazioni!